Semestrale 2019, soddisfazione per i risultati della BCC di Castellana Grotte

Castellana Grotte, 31 luglio 2019

Il Consiglio di Amministrazione della BCC di Castellana Grotte, convocato per il 5 agosto prossimo, approverà la semestrale al 30 giugno 2019.
L’utile di periodo ammonta a 1,28 milioni di euro.
L’importante risultato economico è stato raggiunto congiuntamente al perseguimento dell’obiettivo di riduzione dei crediti anomali, che si sono attestati al livello più basso degli ultimi anni.
I crediti deteriorati netti (sofferenze, inadempienze probabili e scaduti) sono scesi al 5,04% degli impieghi netti verso clientela, mentre nello stesso periodo dell’esercizio precedente si erano attestati al 6,75%.
Notevole l’incremento della copertura dei suddetti crediti anomali, che è passata dal 61,35% al 64,23% (in particolare, il coverage delle sofferenze è stato elevato dal 71,23% al 74,67%).
La strategia di contenimento dei crediti anomali lordi prevede la loro riconduzione sotto la soglia fisiologica del 10%, che sarà raggiunta entro il prossimo esercizio.
La raccolta totale si è attestata a 561 milioni di euro, in notevole crescita, in particolare quella diretta, che si è attestata a 467 milioni (+4,86% sul 31.12.18).
I Fondi Propri (con il computo dell’utile di periodo) hanno raggiunto i 76,4 milioni di euro (ammontavano a 74 milioni a fine 2018).
I ratios patrimoniali vedono il Common Equity Tier 1 ratio e il Total Capital ratio al 24,25%, ben al di sopra dei limiti del 9,099% e del 13,369% richiesti dalla Banca d’Italia (in condizioni di stress) a conclusione del processo di valutazione prudenziale SREP per il 2018, e in crescita rispetto al 24,05% del Bilancio 2018.
La CRA di Castellana Grotte conferma la propria solidità ed efficienza operativa anche in una complessa fase del ciclo economico, che continua a non essere esente da persistenti criticità.
La Cassa ha saputo cogliere in questi anni le migliori opportunità valorizzando i rapporti con i soci-clienti, il cui numero è in significativa crescita a testimonianza delle capacità di interpretare al meglio i bisogni delle Comunità di riferimento.
Il Presidente Augusto dell’Erba esprime soddisfazione per questi risultati, che sono esito della sana e prudente gestione perseguita in questi anni e che dimostrano la validità del modello cooperativo declinato secondo i principi della mutualità prevalente, al centro del quale si pone la relazione con i Soci.