La BCC di Castellana incontra i suoi Giovani Soci

Con l’obiettivo di illustrare mission e valori del sistema del credito cooperativo, la BCC di Castellana Grotte ha organizzato un primo incontro con i suoi giovani soci, lo scorso venerdì 13 settembre presso il Centro Servizi di via del Lago a Castellana.

Il Presidente Augusto dell’Erba nell’occasione ha potuto rivolgersi direttamente ai giovani soci presenti per raccontare della nascita delle Banche di Credito Cooperativo alla fine del 1800, dettata dalla necessità di sollevare contadini e artigiani dalla difficile condizione di povertà in cui erano costretti per condizioni sociali di classe e per il diffondersi delle epidemie. Si chiamavano Casse Rurali ed Artigiane e qualcuna ancora oggi conserva questo nome. Da allora le CRA hanno continuato a crescere sino a divenire attualmente il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, il più grande gruppo bancario cooperativo italiano, in prima linea nel promuovere un radicale cambio di paradigma nel modo di fare banca.

Le Bcc sono COOPERATIVE quindi amministrate secondo regole partecipate e con il principio democratico di una testa un voto; sono BANCHE e, in quanto tali, intermediano credito, raccolgono e prestano denaro come tutti gli altri istituti di credito ma operando in un TERRITORIO definito, quindi riversando il denaro nella stessa zona in cui lo hanno raccolto e creando valore lì dove vivono e operano, amministrate da chi lì vive e opera.
Sono, in definitiva, cooperazione, mutualità e localismo i valori a cui si ispirano.

Guardando alle Bcc come banche di persone, altri incontri come quello promosso dalla BCC di Castellana, che verranno riproposti anche nei prossimi mesi estendendoli a tutti i giovani soci   under 35, mirano a far conoscere ai nuovi soci la banca e a far prendere loro consapevolezza di essere parte di un progetto più ampio, accrescendone il senso di responsabilità e partecipazione.